Affiliated to European Society of Endocrinology
 

Week Endo Quiz

 

Quiz Week Endo

QUIZ 110

Siamo spiacenti, non è possibile rispondere al questionario in questo momento.

"...ma me lo potevano prescrivere prima..."

Fabrizio ha 45 anni, ha un figlio di 16 anni e si sta separando. All’età di 25 aa era stato operato per un seminoma sx e si rivolge ad uno specialista non endocrinologo perché lamenta astenia e aneiaculazione. Lo specialista rileva:
Testosterone molto ridotto (0.17 ng/ml e 0.2 ng/ml in 2 diverse occasioni, valori normali 3.3-8.5 ng/ml) associato a valori di FSH 12.7 mUI/L (valori normali 1.7-8.6 mUI/L) e LH 3.5 mUI/L (valori normali 1.5-12.5 mUI/L) e diagnostica un ipogonadismo primitivo franco e gli prescrive terapia con testosterone undecanoato 1000 mg i.m. ogni 3 mesi.

Durante la terapia i parametri ormonali si normalizzano (T 5.37 ng/ml, FSH 2.57 mUI/ml, LH 0.33 mUI/ml), lui sta decisamente meglio, rileva significativa remissione dei sintomi e non manifesta effetti collaterali e, dopo sei mesi di cura, si sente guarito ma consulta l’ endocrinologo perché vuole sapere che gli è successo.
Come procederesti a questo punto?

Risposte
1) Proseguirei con la stessa terapia con controlli clinici e biochimici annuali
2) Richiederei la determinazione di PRL, sideremia, transferrina, e RMN ipofisi con mdc
3) Sostituirei la terapia con Testosterone long acting con formulazione transdermica
4) Sospenderei la terapia sostitutiva


La risposta corretta è la risposta numero: 2

Risposta Corretta Nr. 2

Richiederei la determinazione di PRL, sideremia, transferrina, e RMN ipofisi con mdc

  • perchè
Il paziente è ertamente affetto da severo ipogonadismo la cui causa non è definita in quanto i livelli di gonadotropine sono risultati inappropriatamente normali (LH) o di poco superiori alla norma (FSH) e durante la terapia sostitutiva si sono ridotti in modo netto. Questo deve far sospettare una patogenesi centrale ed è quindi necessario un approfondimento diagnostico (è un ipogonadismo primario? Secondario? Misto?).

L’ipogonadismo secondario si presenta con bassi livelli di Testosterone e livelli di gonadotropine bassi o inappropriatamente normali.

La causa più frequente di ipogonadismo ipogonadotropo è rappresentata dall’iperProlattinemia, sia dovuta ad un adenoma PRL-secernente sia a riduzione del tono dopaminergico.

Le forme miste di ipogonadismo (primario/secondario) presentano livelli ridotti di Testosterone e livelli variabili di gonadotropine, a seconda che predomini la forma primaria o quella secondaria.

La determinazione della saturazione del ferro, è facilmente eseguibile e permette di escludere un’eventuale emocromatosi, possibile altra causa di ipogonadismo.

La RMN ipofisi con mdc è il gold standard per la valutazione morfologica della regione ipotalamoipofisaria e permette di individuare o escludere cause espansive o infiltrative dell’area.

Le forme secondarie possono essere sostenute da cause reversibili e come tali debbono essere ricercate.

Le altre risposte proposte non sono corrette in quanto la n. 1 (Proseguirei con la stessa terapia con controlli clinici e biochimici annuali) non consente la definizione di una diagnosi eziologica; nel caso della risposta n 3 non viene effettuata la diagnosi eziologica e il cambiamento della formulazione non aggiunge nulla se non riguardo ad un miglioramento della compliance. La sospensione del trattamento (risposta n.4) è inappropriata sia perché il problema resta irrisolto sia perché la prosecuzione del trattamento non impedisce le procedure per una diagnosi corretta

Bibliografia di riferimento
  1.  Bashin S, Brito JP , Cunningham GR et al Testosterone Therapy in Men With Hypogonadism: An Endocrine Society Clinical Practice Guideline. J Clin Endocrinol Metab, 2018,
    103(5):1715–1744.
  2. Mulhall JP, Trost LW, Brannigan RE, Kurtz EG, Redmon JB, Chiles KA, et al. Evaluation and management of testosterone deficiency: AUA guideline. J Urol. 2018;200:423–32

Autore

Silvia Grottoli, Endocrinologia, Diabetologia e Metabolismo, AOU Città della Salute e della Scienza di Torino.
silvia.grottoli@unito.it 

Siamo spiacenti, non è possibile rispondere al questionario in questo momento.


 
 
 
Copyright © 2020 | SICS S.r.l. - Via Boncompagni 16 - 00187 Roma | Partita IVA: 07639150965 - Tel. +39 06 89272802