SIE aderisce al protocollo di autenticazione 
SIE è affiliata a  

Pratica Clinica Online


A cura di

  • Massimo Mannelli (Firenze) - coordinatore
  • Pasqualino Malandrino (Catania)
  • Francesco Ferrau (Messina)
 
  • Segretaria di redazione online Alice Caleo

 

PRATICA CLINICA IN ENDOCRINOLOGIA
Speciale Covid-19

Il cancro della tiroide ai tempi del Covid-19: la posizione dell’Associazione Italiana della Tiroide

Furio Pacini1, Maria Grazia Castagna2, Rossella Elisei3, Laura Fugazzola4, Andrea Frasoldati5

1
Coordinatore; Istituto Clinico Humanitas, Humanitas University, Rozzano, Milano, Italia,
2Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Neuroscienze, Università di Siena, Siena, Italia 3Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Pisa; Divisione di Endocrinologia, Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana, Pisa, Italia,
4Dipartimento di Fisiopatologia Medico Chirurgica e dei Trapianti, Centro Tiroide Auxologico, Istituto Auxologico Italiano IRCCS, Università di Milano, Milano, Italia,
5Unità di Endocrinologia, Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia, Reggio Emilia, Italia

Corrispondenza:
Furio Pacini, pacini8@unisi.it
La recente, e persistente, pandemia da Covid-19 pone importanti quesiti per il trattamento e il monitoraggio dei pazienti oncologici. Le associazioni medico-scientifiche raccomandano che i pazienti oncologici devono avere accesso alla diagnosi e alle cure con percorsi adeguati a proteggerli  dall’eventuale contagio quando si rechino in strutture ospedaliere o ambulatoriali. Se questo è pienamente condivisibile per i pazienti oncologici in genere, nel caso del cancro della tiroide è possibile considerare un atteggiamento più̀ prudente e dilatorio alla luce della lenta evoluzione tipica della malattia.
Vediamo in dettaglio come ci si può̀ comportare a seconda dei diversi scenari....
 
Leggi tutto - Scarica Documento PDF

PRATICA CLINICA IN ENDOCRINOLOGIA
Speciale Covid-19

La mano invisibile: essere endocrinologo nel tempo della pandemia

Francesco Trimarchi
Accademia Peloritana dei Pericolanti presso l’Università di Messina, Messina, Italia
Corrispondenza:
francesco.trimarchi@unime.it
Il contesto, il modo, il metodo, la fattualità del prendersi cura di una persona con un problema di pertinenza endocrina hanno mutato, abbastanza repentinamente, essenza e statuto. Non sono, ovviamente, mutate le caratteristiche antropologiche della persona né l’ espressione soggettivo-funzionale e quella clinica del disordine endocrino. Sono cambiati e in modo radicale il modo di essere “paziente” e il modo di essere “medico” nel contesto pressoché esclusivo di un approccio basato sulla Telemedicina....
 
Leggi tutto - Scarica Documento PDF


  • 27 mar 2018

    Terapia Anabolica nell'Osteoporosi: a chi, come e quando?
    Pratica Clinica Online - Stefano Gonnelli, Carla Caffarelli Il teriparatide, ossia la porzione 1-34 N-terminale della molecola del paratormone (PTH) prodotta con tecnologia ricombinante, è l’unico farmaco anabolico attualmente disponibile in commercio in Italia. …”

    LEGGI TUTTO
     

  • 13 mar 2018

    Alimenti che interferiscono sull’assorbimento della L-T4
    Pratica Clinica Online - Salvatore Benvenga Questo articolo integra l’articolo “Malassorbimento e non compliance della terapia con L-T4” [1], riprendendolo dal 3° paragrafo, cioè da “Interferenti maggiori nel ridurre la biodisponibilità dell’ormone sono nutrienti quali le fibre alimentari e la soia …”

    LEGGI TUTTO
     

  • 02 mar 2018

    Carcinoma Tiroideo su Cisti del Dotto Tireoglosso
    Francesco Vermiglio e Giacomo Sturniolo Le cisti del dotto tireoglosso (TGDC) rappresentano le più comuni lesione disembriogenetiche del collo e derivano dalla persistenza di residui del dotto lungo il percorso di migrazione embrionaria dell’abbozzo tiroideo, dal forame cieco della base della lingua fino alla sua sede definitiva....

    LEGGI TUTTO
     

  • 08 feb 2018

    Prevenzione e Trattamento della Ipocalcemia precoce e tardiva dopo Tiroidectomia
    Giuliano Perigli1, Fabio Staderini2, Giulia Fiorenza2, Benedetta Badii2 , Ileana Skalamera2, Caterina Foppa2, Fabio CianchiGran parte delle circa 40000 tiroidectomie annuali in Italia prevede un ricovero di una sola notte con grado di efficacia ed efficienza elevate, consentito dalla percentuale modesta di complicanze, dal dolore post operatorio contenuto e dal rapido recupero dei pazienti(...

    LEGGI TUTTO
     

  • 29 gen 2018

    Nuovi farmaci per il trattamento dell’ipercolesterolemia
    Vinsin A. Sun, Teresa Mezza, Alfredo Pontecorvi, Andrea Giaccari Trattare l’ipercolesterolemia significa ridurre gli eventi cardiovascolari, una delle principali cause di morte; in più, numerosi studi clinici di intervento hanno dimostrato che la riduzione degli eventi cardiovascolari correla linearmente con la riduzione dei livelli di colesterolo LDL (LDL-C)...

    LEGGI TUTTO
     

  • 15 gen 2018

    Adempimenti psicoendocrinologici e giuridico-legali integrati nella disforia di genere
    Roberto Vita 1, Salvatore Settineri 2, Alessandra Tommasini 3 Salvatore Benvenga 1,4,5  Come stabilito dalle recenti linee guida dell’Endocrine Society [1], la transizione di genere (Tab. 1)...

    LEGGI TUTTO
     

  • 08 gen 2018

    Le Nuove Frontiere del Laboratorio Endocrinologico: LA LC-MS/MS
    Alessandra Gambineri1, Flaminia Fanelli1, Francesco Pallotti2, Donatella Paoli2  LC-MS/MS nella diagnostica endocrinologica  - Sono trascorsi più di dieci anni dalle prime applicazioni della cromatografia liquida abbinata alla spettrometria di massa tandem (LC-MS/MS) in endocrinologia.:......

    LEGGI TUTTO
     

  • 18 dic 2017

    Riflessi della patologia tiroidea sulla funzione sessuale e riproduttiva maschile
    Alessandro Ilacqua, Giulia Izzo, Antonio Aversa Le disfunzioni tiroidee (DT), oltre che i noti effetti sistemici, presentano effetti emergenti sulla funzione sessuale e riproduttiva maschile. Gli studi pre-clinici hanno dimostrato che gli ormoni tiroidei (OT) possono concorrere alla regolazione la funzione sessuale attraverso tre meccanismi putativi:......

    LEGGI TUTTO
     

  • 20 nov 2017

    La gestione clinica dei maschi 46XX
    Andrea Sansone, Francesco Pallotti, Francesco Lombardo Il riscontro di un cariotipo 46,XX in un soggetto fenotipicamente maschile è una condizione rara, con prevalenza stimata intorno a 1:20000, che frequentemente può essere riscontrata dallo specialista endocrinologo-andrologo chiamato a definire le cause dell’infertilità del paziente......

    LEGGI TUTTO
     

  • 09 nov 2017

    La nutrizione come strumento di prevenzione per l’insorgenza di cancro
    Giovanna Muscogiuri, Luigi Barrea, Silvia Savastano, Annamaria Colao   La nutrizione rappresenta uno dei fattori più importanti nella prevenzione del cancro. Uno stile di vita caratterizzato da un’alimentazione erronea può predisporre all’insorgenza di cancro secondo due modalità:......

    LEGGI TUTTO