Pratica Clinica Online


A cura di

  • Renato Pasquali
  • Carla Giordano
  • Paola Fierabracci
  • Direzione Scientifica de l'Endocrinologo
  • Segretaria di redazione online Raffaella Menconi


 
  • 09 mag 2017

    Diagnosi e terapia dell’ipotiroidismo centrale
    Andrea Lania1,2, Nazarena Betella1, Paolo Beck-PeccozL’ipotiroidismo centrale (IC) è una condizione clinica rara (prevalenza 1:20.000) caratterizzata da un difetto nella secrezione di ormone tiroideo conseguente ad una alterata stimolazione da parte del TSH in presenza di una tiroide normale dal punto di vista funzionale. L’IC può essere acquisito e congenito (Tab.1) ed colpisce in egual misura i due sessi in ogni fascia di età.

    LEGGI TUTTO
     

  • 27 apr 2017

    Iodoprofilassi 11 anni dopo
    Marcello Bagnasco1 , Mariacarla Moleti2, Concetto Regalbuto3, Massimo Tonacchera4, Antonella Olivieri5 - Quasi undici anni fa è stata approvata la legge 55/2005 "Disposizioni finalizzate alla prevenzione del gozzo endemico e di altre patologie da carenza iodica" che, di fatto, ha introdotto il programma nazionale di iodoprofilassi nel nostro Paese...

    LEGGI TUTTO
     

  • 24 apr 2017

    Ormone anti-mülleriano(AMH): funzione e livelli nell’uomo e nella donna
    Antonio F. Radicioni, Antonella Anzuini, Francesco Carlomagno  - L’ormone anti-Mülleriano (AMH) è una glicoproteina appartenente alla superfamiglia del TGF-β, inizialmente identificato come responsabile della differenziazione dell’apparato genitale maschile....

    LEGGI TUTTO
     

  • 27 mar 2017

    Inibina come marker di qualità seminale
    Antonio F. Radicioni, Antonella Anzuini, Francesco Carlomagno - L’inibina (Inh) è un ormone glicoproteico, della superfamiglia del TGF-β, che nell’adulto downregola la produzione di FSH da parte delle cellule gonadotrope dell’adenoipofisi.E’ un eterodimero di 31-33 kDa composto da due subunità: la subunità-α (αC) e la subunità-β (βA o βB) unite da due ponti disolfuro a formare, rispettivamente, l’InhA o l’InhB...

    LEGGI TUTTO
     

  • 15 mar 2017

    Pratica Clinica
    Come monitorare un adulto guarito da un tumore pediatrico
    Francesco Felicetti, Enrico Brignardello

    S.S.D. Unità di Transizione per Neoplasie Curate in Età Pediatrica,
    Dipartimento di Oncologia, AOU Città della Salute e della Scienza di Torino.


    Le probabilità di guarigione dei bambini e dei giovani adulti affetti da tumore si attestano oggi intorno all'80%, così che la prevalenza dei childhood cancer survivors (CCS) nella popolazione generale è in costante aumento...

    LEGGI TUTTO
     

  • 23 feb 2017

    Pratica Clinica
    Quando e che cosa deve comunicare al Neonatologo/Pediatra, l'Endocrinologo che segue una gestante con problemi tiroidei?
    Mariacarla Moleti1, Francesco Trimarchi2 , Francesco Vermiglio1

    1Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, 2Accademia Peloritana dei Pericolanti - Università di Messina

    Studi osservazionali e d’intervento hanno dimostrato un’associazione positiva tra eventi avversi ostetrico-neonatali e alterazioni subcliniche e/o conclamate della funzione tiroidea materna e che il precoce riconoscimento e trattamento di tali alterazioni migliori significativamente la prognosi del nascituro.

    LEGGI TUTTO
     

  • 09 feb 2017

    Pratica Clinica
    L’organizzazione della fase di transizione dall’Endocrinologia pediatrica all’ Endocrinologia dell’adulto
    Alessandra Gambineri1, Laura Mazzanti2, Renato Pasquali1

    U.O. Endocrinologia1 ed U.O. Pediatria2, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, A.O.U. S. Orsola-Malpighi, Alma Mater Studiorum Università di Bologna

    Il passaggio dall’età pediatrica all’età adulta, che si identifica con il raggiungimento del pieno e completo sviluppo somatico, si accompagna a sostanziali modificazioni di tipo psicologico, comportamentale e di molte funzioni biologiche.

    LEGGI TUTTO
     

  • 31 gen 2017

    Pratica Clinica
    IL Follow-up del Carcinoma Differenziato della Tiroide secondo le linee guida ATA 2016
    Maria Grazia Castagna

    Dipartimento di Medicina Interna, Scienze Endocrino-Metaboliche e Biochimica, Sezione di Endocrinologia e Malattie Metaboliche, Università di Siena


    Il follow-up diagnostico del carcinoma differenziato della tiroide (CDT) è caratterizzato dal mantenimento di un'adeguata terapia con ormoni tiroidei ed è finalizzato alla precoce individuazione di persistenza/ recidiva di malattia,

    LEGGI TUTTO
     

  • 18 gen 2017

    Pratica Clinica
    C’è ancora indicazione alla terapia radioablativa con 131-I nel carcinoma tiroideo differenziato a basso rischio?
    Rossella Elisei1, Eleonora Molinaro1 e Francesco Trimarchi2
    1Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa; 2 Accademia Peloritana dei Pericolanti - Università di Messina

    Il trattamento del carcinoma differenziato della tiroide si è basato, fino ad oggi, sulla tiroidectomia totale, seguita dall’ablazione del residuo post-chirurgico mediante la somministrazione di 131I e la terapia TSH soppressiva con L-T4.

    LEGGI TUTTO
     

  • 09 gen 2017

    Pratica Clinica
    Gestione diagnostico-clinica della Sindrome di Turner nell’età adulta
    Alessandra Gambineri1, Marco Cappa2
    1U.O. Endocrinologia, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Ospedale S. OrsolaMalpighi, Università di Bologna, 2U.O.C. Endocrinologia e Diabetologia, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, IRCCS, Roma

    La Sindrome di Turner (ST) è una delle più frequenti anomalie cromosomiche del sesso femminile interessando circa 1/2.500 nate vive.

    LEGGI TUTTO
     


 
 
Copyright © 2017 | SICS S.r.l. - Viale Zara 129/A - 20159 MI - Partita IVA: 07639150965